PROPAGGINI CARNEVALE DI PUTIGNANO

PROPAGGINI: OGNI ANNO LA STESSA RIDICOLA STORIA

Il 26 Dicembre torna l’appuntamento con le Propaggini del Carnevale di Putignano, torna l’appuntamento con la storia.

Il 26 dicembre 1394 le reliquie di Santo Stefano, protettore di Putignano, accompagnate da un corteo sacro, vengono traslate nella chiesa di Santa Maria la Greca, lì, dove tutt’oggi sono ancora custodite. È in questo momento che la storia si intreccia alla leggenda, il sacro al profano: il racconto, tramandato dalla tradizione orale, vuole che i contadini di Putignano impegnati nell’innesto delle viti con la tecnica della propaggine, al passaggio della processione abbandonassero campi e lavoro per accodarsi festanti al corteo, ballando, cantando e improvvisando versi satirici in vernacolo. Nasce così la Festa delle Propaggini, quella che da secoli segna l’inizio del Carnevale più lungo di Italia nonché più antico di Europa: il Carnevale di Putignano.

Il cuore della Festa delle Propaggini è una pacifica sfida in vernacolo a suon di satira. Gruppi e poeti dialettali, i cosiddetti “propagginanti”, sono i protagonisti indiscussi di una ormai famosa e folcloristica esibizione; in abiti da contadini e arnesi da lavoro, ripercorrono l’anno appena trascorso recitando i famosi ceppòn, versi satirici in rima contro politici e personaggi noti della città. Un rito purificatorio della comunità che, “mettendo in piazza” i misfatti della vita cittadina, attraverso la satira denuncia i propri mali per propiziare un futuro migliore.

 

I GRUPPI

A’ FEZZ | CEM CEMDERAP I CIQUERE | GIUGNO ’87 | TRIO-GESIMO | LA ZIZZANIA | GRUPPO D’ELIA | I SPATRIAT | A’ CUMPAGNÈIE D’I UAGNOUN

Propaggini del Carnevale di Putignano

 

SCARICA IL FLYER 

 

Category: Eventi