25-febbraio-immagine-evidenza

Nidi D’Arac e i loro ospiti – 25 febbraio ore 21 – Piazza Principe di Piemonte

Il progetto Nidi d’Arac nasce nel 1998 a Roma, città in cui le nuove espressioni musicali si incontrano, si fondono e traggono nuovo slancio. Leader è il musicista leccese, Alessandro Coppola, il cui genio creativo e l’amore per la propria terra, il Salento, hanno dato frutto ad un’appassionata e consapevole ricerca di contenuti inscritti nella  tradizione musicale, poetica e folklorica del patrimonio della cultura popolare mediterranea, assimilati e rielaborati. Alla base di questa meticolosa ricerca “c’è il bisogno di raccontare al mondo di una tradizione musicale, quella del Sud Italia, che è viva e che , attraverso aggiornate formule estetiche vuole comunicare i suoi valori di modernità e universalità.”

A. Coppola.

La musica del gruppo salentino, è quindi il risultato della modernità, è un incrocio tra riflessioni sulla tradizione ed elettroniche accelerazioni metropolitane. Come fossero rave di musica etnica, i concerti dei Nidi d’Arac  diffondono lunghe onde emotive all’interno di costruzioni sonore molteplici, che partono da antichi spartiti di pizzica, per deformarli con ritmi trance, sintetizzatori alieni e componenti elettronici in cortocircuito.

Dal Salento all’Europa, spingendosi sino in Africa, in Brasile e a New York il gruppo  ha saputo esportare e divulgare, con passione e professionalità, la cultura  popolare del nostro bacino geografico.

“I Nidi d’Arac sono la glocalizzazione fatta band.” – ROCK IT

“Al gruppo salentino va senza dubbio riconosciuto il merito di aver contribuito a far conoscere nel mondo la musica salentina”– BLOGFOLK

“E’ attraverso la contaminazione dei codici sonori contemporanei che l’immenso patrimonio della nostra tradizione folk può trarre linfa per sopravvivere ai morsi del tempo”- MUSICA di Repubblica

“Tecnologia e partiture millenarie, schegge etno-tecniche e nuovi demoni da esorcizzare, fra antiche schiavitù da scoperchiare e misfatti del capitale globale da imparare a riconoscere”– IL MANIFESTO

“Il segreto del loro ritmo è miscelare l’orgoglio delle radici con l’elettronica e la globalità, la musica popolare con il nuovo sound britannico”– PANORAMA

“Una musica ricchissima e originale che unisce mondi e modi diversi”– MUCCHIO SELVAGGIO

“Sicuramente qualcosa di buono sta accadendo in Italia.” – fROOTS

“Sono l’epitome Italiano del folk rock del 21esimo secolo” – ROCK ‘N’REEL

Category: Eventi